NEWS E approfondimenti

Linkiesta: Il piano per Ricostruire l’Italia inviato a Mattarella, Conte e Colao

Il Presidente Sergio Mattarella al Quirinale

LINKIESTA, il quotidiano online diretto da Christian Rocca, scrive che il Piano RICOSTRUIRE è stato inviato al presidente Mattarella, al presidente del consiglio Conte e al capo della task force governativa per la emergenza Covid-19, Vittorio Colao. Linkiesta ricorda che con Stefano Parisi, promotore della iniziativa, ci sono l’ex ministro Tria, Vito Gamberale e molti altri imprenditori, manager e professionisti italiani che hanno deciso di mettere le proprie competenze al servizio dell’Italia, in un momento così difficile per il Paese.

Il giornale dà quindi ampio spazio alle proposte contenute nel Piano operativo per superare la emergenza sanitaria, rilanciare l’economia e rinnovare il nostro Paese. In particolare si sottolinea la esigenza di rovesciare il paradigma, cioè la strategia del lockdown seguita fino al mese di aprile, per uscire dalle emergenza. E quindi sostenere finanziariamente il sistema sanitario nazionale, distrubuire i DPI su tutto il territorio, aumentare il numero dei test. Ancora, il tracciamento dei casi positivi e delle persone a rischio, oltre alla messa in protezione delle categorie che torneranno al lavoro.

“L’attuazione del rientro al lavoro dovrà avere un’unica regia nazionale ed essere attuata per fasi secondo i tempi di uscita dalla fase acuta dei vari territori. Dopo la fine della fase acuta di emergenza prevedere un rientro al lavoro progressivo per cluster, definiti per età“, spiega Linkesta riprendendo il Piano operativo. Bisogna inoltre “standardizzare le misure di difesa personale dal contagio garantendo la disponibilità di tutti i device”.

L’articolo passa quindi ad esaminare le proposte economiche contenute nel piano, un “intervento straordinario di finanza pubblica secondo le indicazioni di Mario Draghi“. “L’utilizzo di questi capitali dovrà essere orientato verso soluzioni che garantiscano una redditività maggiore del costo degli interessi a servizio del debito”.

Segue un elenco delle idee principali del piano. Compensazione dei debiti/crediti verso la Pubblica amministrazione. Anticipare la Legge di Bilancio. Ridurre il cuneo fiscale. Eliminare Quota 100. La spending review con blocco del turnover per 2 anni. La tutela, tramite la Golden Share, delle aziende strategiche italiane. Il sostegno “con interventi straordinari, alla filiera turistica, culturale e editoriale, tessile e commerciale”. La cassa integrazione a tutte le categorie imprenditoriali, grandi e piccole, per almeno 18 mesi. L’abrogazione del nuovo codice degli appalti.

Infine la Fase 3 del Piano, quella per assicurare una vera ripresa della economia sul lungo periodo. Il Prestito Italia di 30 mld euro “con interesse remunerativo con durata di almeno 10 anni evitando il ricorso alla imposizione patrimoniale”. Gli investimenti strutturali strategici già finanziati per quest’anno ma che vanno attivati. Il fondo di 2 miliardi di euro a integrazione dei Fondi Europei. La fiscalità agevolata per 3/5 anni per start up e start up innovative per agevolare il “Primo Impianto”.

Ancora la Agenzia per la ricerca. Incentivi per gli investimenti privati. Detrazione dell’80% degli investimenti in start up innovative focalizzate su Intelligenza artificiale e “green”. Incentivi fiscali per favorire gli investimenti stranieri europei ed extra europei. “La proroga delle scadenze fiscali di 4 mesi e la rateazione delle scadenze in 12 rate successive se richiesto al tasso del 3%”. (Tratto da Linkiesta, 16 aprile 2020)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Cerca nel sito
Categorie
YOUTUBE
Articoli recenti
TAGS

Invia la tua proposta

RICOSTRUIRE

Il piano strategico di professionisti, imprenditori e accademici per superare l’emergenza e rilanciare l’economia italiana.

Articoli recenti