NEWS E approfondimenti

Alitalia

L’eterno ritorno del salvataggio di Alitalia

alitalia newco

L’ennesimo salvataggio di Alitalia graverà ancora una volta sulle spalle dei contribuenti. “Stiamo parlando di 3,35 miliardi di soldi pubblici, di cui 3 miliardi come nuova capitalizzazione per la nuova compagnia”. È questo l’allarme lanciato su Il Foglio da Andrea Giuricin, uno dei firmatari di Ricostruire.

Il modello

Il piano sarebbe quello di imitare l’operato del governo portoghese con Tap Air. Nonostante sia controllata dallo stato al 50%, rimane l’unica altra grande compagnia in perdita prima della pandemia. Insomma, non un grande esempio da seguire.

I ministri competenti hanno spiegato che la nuova Alitalia avrà sucesso se si concentrerà sul lungo raggio. Dalle prime indiscrezioni, tuttavia, sembra che la flotta del vettore italiano sarà meno numerosa rispetto al 2019, anche sul lungo raggio. Alitalia, in realtà, ultimamente ha avuto delle difficoltà anche nella gestione del breve raggio. Infatti è di poche settimane fa la notizia della rinuncia alla riattivazione dei voli in Friuli.

Era già ridicola la competitività di Alitalia rispetto ai player europei prima della più grave crisi del settore aeronautico di sempre, ora il fallimento è una certezza.

Giuricin spiega che Alitalia potrebbe essere in grado di fare utili, solo se il governo chiuderà la concorrenza e imporrà un regime di monopolio. Come ha tentato di fare ponendo come obiettivo i servizi essenziali verso le isole. A subire questa scelta sarebbero i consumatori, condannati così a pagare prezzi più alti per servizi di qualità discutibile.

Le regole europee

È opportuno anche ricordare i paletti imposti dalla Commissione Europea circa il salvataggio delle compagnie aeree. Non dovevano essere in perdita prima della crisi e devono dimostrare discontinuità rispetto alla vecchia gestione. Posto che Alitalia non può sicuramente soddisfare la prima condizione, anche con la seconda potrebbero esserci dei problemi. Infatti, l’amministratore delegato della newco dovrebe essere il direttore commerciale della vecchia gestione. È probabile, quindi, che la Commissione non accetterà una soluzione del genere.

Uno sguardo ampio

In un momento difficile come questo, in cui servirebbe investire sulle riforme strutturali e sulla tutela degli asset economici veramente mportanti per il Paese, una discussione come questa è quasi surreale. Basti pensare che per tutto il settore turistico è stato spesa la stessa cifra necessaria a salvare Alitalia.

Il ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli ha dichiarato che avere una compagnia di bandiera è importante dal punto di vista economico e geopolitico. Siamo certi che i contribuenti, ancora una volta obbligati a pagare gli sprechi dello Stato imprenditore, abbiano un’idea diversa.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Leonardo Accardi

Leonardo Accardi

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Cerca nel sito
Categorie
YOUTUBE
Articoli recenti
TAGS

Invia la tua proposta

RICOSTRUIRE

Il piano strategico di professionisti, imprenditori e accademici per superare l’emergenza e rilanciare l’economia italiana.

Articoli recenti