NEWS E approfondimenti

Unione Europea, la trattativa è appena iniziata

presidente della commisione europea
Il Recovery Fund

È molto soddisfatta Ursula von der Leyen al termine dei negoziati sul Recovery Fund. “Adesso abbiamo una potenza di fuoco finanziaria enorme, senza precedenti: 1,8 trilioni di euro, quasi il 13% del Pil Ue a 27”. Il bilancio e il piano Next Generation Eu “aumenteranno di oltre il 50% l’impatto delle nostre politiche.” Secondo la Presidente della Commissione Europea questo è stato un passo fondamentale nel processo di integrazione europea, di cui beneficeranno soprattutto le nuove generazioni.

Il successo politico della buona riuscita della trattativa è da attribuire sicuramente ad Angela Merkel, che ha svolto un ruolo di mediazione fondamentale. L’Unione Europea, col varo del Recovery Fund, ne è uscita rafforzata e ha dimostrato di avere una buona capacità di reazione. I Paesi che più beneficeranno degli aiuti, tuttavia, dovranno impegnarsi a rispettare gli accordi. Non verranno più tollerati rinvii delle riforme e assistenzialismo a pioggia.

La trattativa continua

Tuttavia, non si può certo dire che la partita sia chiusa. L’accordo inter-governativo Next Generation Eu, non richiede l’approvazione formale del Parlamento Europeo. L’organo parlamentare può solo essere coinvolto nella gestione dei fondi stanziati.

Discorso diverso è da fare per il Quadro Finanziario Pluriennale dell’Unione (Qfp). Ovvero il budget a disposizione dell’Unione per il periodo 2021-2027. In base al diritto comunitario, la camera ha l’ultima parola e pertantola facoltà di respingere l’accordo.

Il Presidente dell’Europarlamento, David Sassoli, ha spiegato i tre punti su cui si cercherà di intervenire. In primis verrà sollevato il tema delle “risorse proprie”, ovvero le imposte comunitarie che non sarebbero riscosse a livello nazionale. Si dovrebbe trattare della plastic tax e l’ETS (Emission Trading System). La scelta della plastic tax, tuttavia, sembra essere poco felice. Oltre ad avere un intento moralizzatore che nessuno Stato dovrebbe avere, è una tassa iniqua perché non colpisce ugualmente tutti i Paesi né lo fa in proporzione a indicatori macroeconomici.

In secondo luogo verrà richiesto un maggior coinvolgimento nella gestione del Recovery Fund. Infine, verrà chiesto un Qfp più voluminoso rispetto ai 1.074 bilioni concordati (circa l’1% del Pil europeo).

Cosa fare adesso

Una cosa è certa: è necessario progettare e realizzare delle riforme che cambino radicalmente il nostro Paese. Altrimenti sarà stato inutile aver stanziato una quantità così ingente di fondi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Leonardo Accardi

Leonardo Accardi

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Cerca nel sito
Categorie
YOUTUBE
Articoli recenti
TAGS

Invia la tua proposta

RICOSTRUIRE

Il piano strategico di professionisti, imprenditori e accademici per superare l’emergenza e rilanciare l’economia italiana.

Articoli recenti