NEWS E approfondimenti

Il lavoro che cambia

Fascicolo elettronico del lavoratore e blockchain. Come rivoluzionare la PA

fascicolo elettronico del lavoratore

Il fascicolo elettronico del lavoratore è un documento che raccoglie le informazioni relative ai percorsi educativi e formativi, ai periodi lavorativi, alla fruizione di provvidenze pubbliche e ai versamenti contributivi ai fini della fruizione di ammortizzatori sociali. Tale fascicolo dovrebbe, inoltre, essere liberamente accessibile, a titolo gratuito, mediante metodi di lettura telematica, da parte dei singoli soggetti interessati. In un periodo storico in cui il lavoro cambia, si fa più frammentato e discontinuo e l’esperienza lavorativa è sempre meno lineare, uno strumento come questo è più che mai indispensabile.

Innanzitutto, permetterebbe di valorizzare l’intera traiettoria della vita attiva. Andando oltre il singolo lavoro e l’esistenza attuale di un rapporto di lavoro. Questo bagaglio dovrebbe poi essere reso spendibile, portabile, digitale e trovare riconoscimento presso ogni attore del mercato del lavoro. Nonostante i fondamenti normativi (art. 14 del dgls n.150/2015), ad oggi questa identità professionale individuale a formazione progressiva non ha un vero riconoscimento nel mercato del lavoro.

Il progetto

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Roma Tre ha elaborato una proposta scientifica e operativa che unisce il fascicolo elettronico del lavoratore alle potenzialità tecnologiche avanzate della blockchain. Che cos’è la blockachain? È un registro digitale aperto e distribuito, in grado di memorizzare dati in modo sicuro, verificabile e permanente. Presenta delle voci raggruppate in blocchi che si susseguono in ordine cronologico, la cui integrità è garantita dall’uso della crittografia Una tecnologia pensata per il mondo delle transizioni finanziarie, ma che può avere innumerevoli applicazioni sociali.

i vantaggi della blockchain

La blockchain permetterebbe di costruire e alimentare il fascicolo elettronico del lavoratore, facendovi confluire i dati del singolo individuo in possesso dei diversi soggetti della rete nazionale. Il connubio tra fascicolo elettronico del lavoratore e blockchain permetterebbe di avere una soluzione efficace, di facile utilizzo, flessibile, sicura e in linea con i vincoli normativi in tema di privacy. Una vera e propria rivoluzione copernicana. Un’altra possibilità è quella fornita dagli smart contract concretizzabili attraverso la blockchain. Si rende infatti più agile l’incontro tra domanda e offerta di lavoro e si costruisce un profilo più chiaro di chi cerca lavoro. Insomma, un ulteriore possibilità per rendere il mercato del lavoro più efficiente.

L’ostacolo alla concretizzazione del fascicolo però è dato dalla resistenza alla condivisione delle banche dati. Soprattutto le amministrazioni pubbliche si mostrano più restie a questa azione. Quasi come se venisse percepita come una cessione di sovranità. È freno forte ad un’innovazione che invece rappresenta una priorità, in particolare per i lavoratori più fragili.

Ancora una volta la parola chiave di queste trasformazioni è interoperabilità delle banche dati. Che va costruita innanzitutto attraverso un cambiamento della normativa sulla titolarità dei dati. In sostanza, non si tratta solo di cambiamenti tecnologici in senso stretto. Ma anche di trasformazione della mentalità prima e di vertice nel management delle pubbliche amministrazioni poi. Visti i benefici che questi strumenti possono apportare al mercato del lavoro, in termini di efficienza e di riconoscimento di esperienze e diritti dei lavoratori, ben vengano progetti come quelli elaborati dai ricercatori dell’Università di Roma Tre. Anzi, sarebbe sicuramente utile continuare a studiare e sperimentare la blockchain e il fascicolo elettronico del lavoratore. Con l’obiettivo risolvere quei problemi che affliggono il nostro mercato del lavoro da troppo tempo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Cerca nel sito
Categorie
YOUTUBE
Articoli recenti
TAGS

Invia la tua proposta

RICOSTRUIRE

Il piano strategico di professionisti, imprenditori e accademici per superare l’emergenza e rilanciare l’economia italiana.

Articoli recenti