NEWS E approfondimenti

Alla scoperta di Horizon Europe, il programma europeo per ricerca e innovazione

horizon

L’innovazione è al centro del Quadro Finanziario Pluriennale (QFP) per gli anni 2021-2027 dell’Unione Europea. In tale ambito, i due programmi i finanziamenti più consistenti sono il Digital Europe Programme, relativo alla digitalizzazione, e Horizon Europe, relativo alla ricerca.

Tutti i programmi europei del QFP hanno subito un ridimensionamento in termini di risorse, a causa della considerevole mole di denaro destinata a Next Generation EU per fronteggiare la pandemia.

Cos’è Horizon Europe

L’obiettivo di Horizon è quello investire in ricerca e sviluppo, al fine di creare innovazione e, quindi, benessere crescente. Per farlo, sono state individuate 5 aree tematiche, denominate mission:

  1. adattamento ai cambiamenti climatici;
  2. combattere il cancro;
  3. oceani sani, mari, acque costiere e interne;
  4. città intelligenti e climaticamente neutrali;
  5. salute e alimentazione del suolo.

Tutte le misure afferenti a questo programma, e illustrate più avanti, presuppongono investimenti in ricerca e sviluppo, non possono essere realizzate in tempo zero.

La Commissione UE ha lanciato, grazie a una piattaforma interattiva, una call for ideas per definire più dettagliatamente insieme ai cittadini europei le 5 mission. Le raccomandazioni finali dei Mission Boards saranno consegnate alla Commissione Europea durante le Giornate Europee della Ricerca e dell’Innovazione (22-24 settembre 2020).

Adattamento ai cambiamenti climatici

Prendere atto dell’esistenza dei cambiamenti climatici non significa necessariamente rinunciare a crescita e benessere. L’UE, infatti, cerca di conciliare i cambiamenti climatici, crescita economica e inclusività sociale, proponendo un modello di sviluppo sostenibile. In un modello simile, la ricerca diventa centrale.

Combattere il cancro

Nella progettazione della mission sul cancro, la Commissione Europea ha nominato un board di 25 esperti europei che stanno lavorando ai dettagli del programma. L’obiettivo dichiarato è diminuire di un terzo la mortalità entro il 2030. Si cercherà di incidere sulla prevenzione dei fattori di rischio, sul sostegno alla sopravvivenza e sull’assistenza di fine vita, per tutte le età e tutti i tipi di cancro, compresi i tumori rari e poco conosciuti.

Tutelare gli oceani, mari, acque costiere e interne

Nell’ambito di Horizon Europe, l’UE propone soluzioni sistemiche per la prevenzione, riduzione, mitigazione e rimozione dell’inquinamento marino. In quest’ottica va considerata l’implementazione di materiali innovativi, per esempio sostituti della plastica biodegradabili, ma anche nuovi mangimi e alimenti per quanto concerne l’acquacoltura.

Inoltre, il programma prevede di contrastare i cambiamenti climatici grazie a infrastrutture i mezzi di trasporto sostenibili, ma anche proponendo modelli nuovi per pesca e acquacoltura, con impatto ambientale decrescente. Infine, si cercherà di soddisfare il fabbisogno energetico nelle zone costiere e nelle isole grazie alle energie rinnovabili in mare aperto, in particolare si tratta di energia eolica e mareomotrice.

100 città climaticamente neutrali

Più della metà della popolazione mondiale vive nelle aree urbane, entro il 2050 si raggiungerà l’80%. Le città e le aree metropolitane sono centri di attività economica, generazione di conoscenza, innovazione e nuove tecnologie. Per questo motivo sono previsti investimenti nella mobilità e nelle infrastrutture sostenibili, oltre alla promozione di nuovi lavori e di stili di vita rispettosi dell’ambiente.

Salute e alimentazione del suolo

La terra e il suolo sono essenziali per l’agricoltura, ma anche per la produzione di mangimi, tessuti e legno. Il suolo fornisce anche servizi ecosistemici importanti per il mantenimento dell’acqua pulita, per la biodiversità e la regolazione del clima.

Questa quinta mission, quindi, prevede investimenti nella ricerca per cercare di diminuire l’inquinamento e l’erosione del suolo. Contestualmente si cercherà di migliorarne la struttura, al fine di migliorare la qualità dell’habitat per il biota. Inoltre, l’UE si impegnerà a ridurre l’impatto climatico del carbonio anche in quest’ambito.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Leonardo Accardi

Leonardo Accardi

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Cerca nel sito
Categorie
YOUTUBE
Articoli recenti
TAGS

Invia la tua proposta

RICOSTRUIRE

Il piano strategico di professionisti, imprenditori e accademici per superare l’emergenza e rilanciare l’economia italiana.

Articoli recenti